Condividi

Giulianova –  Si è tenuto a Giulianova, nel Museo d’arte dello Splendore, venerdì 30 giugno, la presentazione del film “Ho amici in Paradiso” del regista Fabrizio Maria Cortese. La serata di presentazione è stata organizzata dalla Diocesi di Teramo-Atri, dalla Piccola Opera Charitas (POC), dall’Ass. “Gli Scriccioli di Padre Serafino”, in collaborazione con l’ufficio Pastorale della salute della Conferenza Episcopale Italiana (CEI). Protagonista dell’evento è la cultura della cura: la cura per chi è più vulnerabile e debole. “Cura e cultura sono due attività che devono viaggiare all’unisono come due polmoni” così parla Domenico Rega, Presidente della Poc, davanti una cospicua platea di ospiti e tra quest’ultimi un gruppo di ragazzi disabili della struttura di Giulianova. Il film, uscito nelle sale cinematografiche nel 2016 dopo 2 anni di preparazione, è la straordinaria intuizione del regista che si è valso di un cast formato da attori professionisti e da disabili della Casa San Giuseppe dell’opera Don Guanella. La disabilità in questo film appare come un mezzo di guarigione e conversione dell’animo. La presidente de Gli Scriccioli, Monia Mattiucci, precisa, infatti, che “i volontari sono persone piene di risorse che possono emergere solo se adeguatamente stimolate”. L’evento è l’incontro di due realtà, quella giuliese di Padre Serafino e quella dell’opera di Don Guanella, tanto simili per la loro dedizione al mondo della disabilità intellettiva. A presenziare la serata, oltre i due presidenti dell’opera di padre Serafino di Giulianova, c’erano Don Carmine Arice (direttore della pastorale della salute della Cei), Monsignor Michele Seccia (Vescovo di Teramo_Atri) ed il regista del film Fabrizio Maria Cortese. Il film verrà trasmesso in prima serata su raiuno l’11 agosto.

Servizio di Ilaria Muccetti
Riprese di Marco Calvarese

Nessun commento

Commenta