Condividi

Teramo- Durante il convegno “prevenire, investire, costruire” organizzato dalla diocesi di Teramo-Atri in collaborazione con l’università degli studi di Teramo, tante le istituzione presenti nell’aula magna della facoltà di giurisprudenza. Tra i relatori della prima tavola rotonda “Prevenire- il territorio dopo il terremoto” non può non essere citato il professore Dante Galeota del dipartimento di ingegneria civile dell’università dell’Aquila. “In Italia esistono le tecniche e le tecnologie per ricostruire con un livello adeguato di sicurezza” dichiara il professore, tuttavia attualmente “progettiamo con dei parametri relativi al terremoto che possono essere inferiori a quelli che si verificano nella realtà”. Problema complesso ma è bene comunque intervenire in maniera diffusa.

servizio di Ilaria Muccetti
riprese e montaggio Marco Calvarese

Nessun commento

Commenta